Art critic and curator Dr. Manuela Vannozzi, 1/17/2013 Rome, Italy

prospekt2

 

prospekt1

 

grossbritannien  English translation

"DANA PANDICI AND THE EPIPHANY OF NATURE

by Manuela Vannozzi


This exhibition entitled  "Being alive is a privilege - human dignity against cynicism" by the photographer Dana Pandici (Timisoara 1967 - now lives and works in Heidelberg), is a valuable opportunity to learn about a great contemporary artist who, after going through several expressive and intimate continuity stages, has developed, over the years, a high figurative awareness profile aimed at a type of synthesis and overcoming the singular dialectic that coexists between the macro-photography and the subject of photographs by strictly moving away from the commonplace through the particularity and the thoroughness of the subjects.

 

In order to analyse the structure of Dana Pandici's work, we must be able to recognize and read her hidden messages through the material information of the "What" and "How".  The "what", understood as everything that is in front of the lens when shooting. The photographer is not really free from the psychological interactions, or rather, the expressive objectivity of the image captured is not without elements related to the world of emotions, so his pictures, although they seem static, are filled with symbolic meanings.

 

If we look closer to the original idea from which Dana Pandici's photography stems, the "What" appears as the technical and expressive choices of the author, and this is where the interpretation of each of her works lies.

 

Dana Pandici is seen as a "researcher of humanity" that, by using her camera, tries to express her perception of reality and human behaviour.

 

Her deep love for nature and the human race has led her to respect and recognise multiple biodiversity of the environment surrounding her. By using Macro Photography, her images tell us real-life stories, and specialize in the kind of post photographic production that does not upset the frame in its essence.

 

Above all, it is a certain idea of realism, which can be seen in her recent images, that supports the obvious intellectual and moral fervour.
The basic relationship that she establishes with reality is shiny and obsessive, where an epic sense of the  depiction joins the calm serenity and clarity of the polished look of the user.

 

The photographer's gesture reveals, both in its banality in its vitality, the intimate and earthly flowing of time, and this stunning exhibition touches the deepest meaning of art that is fully synchronized on the duration of life and how life is lived, both through a more naturalistic and humanised vision and through the injustice and patterns that man voluntarily or involuntarily imposes.

 

In works entitled '  human trafficking "millions of people around the world are victims of human trafficking, and 80 per cent of them are exploited as sex slaves.  Some marriage agencies also make the trafficking of women easier" - and "Evolution-The Madonna of the Future “industrialization, pollution, infertility. Cloning as a symbol of a later stage. It is happening because we have the technology and we cannot stop it"- the subjects are not used to examine the eroticism of submissiveness emphasized by the ancient practice of Bondage ( bondage -an English word for slavery- it is a set of sexual and/or voyeuristic practices based on physical constraints created with bindings, braces, hoods, bibs, or more in general on the consensual impediment consensual of the physical freedom to move, see, speak and hear), are aimed at exploring the appearance of an imaginary reality by showing women that, despite their apparent subjection, constraints with cords and the physical and mental pain, are unapproachable. They act and, very often, their gaze, made erotic by the presence of the camera, puts the viewer in front of a detached arrogance.

 

This subtle affinity between Dana Pandici's photography and women portrayed by Nobuyoshi Araki (Tokyo 1940, the famous Japanese photographer and contemporary artist) makes her work hieratic and full of expression hidden behind a deceptive calm.

 

Dana Pandici's desire to show the phenomenal reality (synonymous with "appearance", or limitation of cognitive ability only to what appears, to outward and sensitive appearances as opposed to the true reality, thus excluding that things in themselves may be known in their objectivity), conceals deep emotions in every photo shoot, where every form of knowledge is always subjective, relative and hidden.
The real world of reality is not apparent to the mere human perception, it appears to us only as behind a veil deformed by a web formed by our own mental structures. In this regard, Schopenhauer, the German philosopher (22 Feb.  1788-21 September 1860) , argued that all human, imaginable, scientific or artistic experience  is always a fleeting, illusionary and relative representation of the thinking subject.

 

In photographs entitled "stag beetle","praying mantis","mail chicks" and  "hornet "  ,  catches her perceptual reality through the lens of the camera and throws us into a world of Macro Photos of animals and insects as if we were entering a vivisection.  Are they on a laboratory table? Are they witnesses of a life already lived? Or are they synonym of a revival?

 

The primary obsession of the photographer is therefore towards the object, in that meticulous realism of materialist ecstasy, where the subjects of her portraits reveal the charm of their own existence, they fill our perceptual values by exuding stories and sensory thickness.

 

The work of the German photographer, focus primarily along this road leading to "anti-modern" realism and, therefore, said to be almost "ir-real." Thus, t is inevitable to talk of "still life", where, in this case, the  objective ceases to be a turned off metaphor and an added conventional that regains its verifiability.

 

According to this overriding principle, where there is no atmosphere there can not be life, here Dana Pandici submits her subjects to an emptying for a hypothetical preservation of organic material. The material consistency remain like trophies to be exhibited over time, the former organic bodies that were emptied of natural laws allow for a visual grandeur that living subjects could not sustain and their figurative gigantism makes them things of another world. Of course, the light that invests them and pokes at them makes them sharp and unrelenting shadows that are perhaps not typical of this world.

 

In the line of ir-real realism, the subjects in the foreground crowd toward the stage, they do not agree to step aside and claim the right to be placed in the foreground. This is what happens in our phenomenal world, where the camera has made us feel as if we can touch these far away subjects that seem so close.

 

 Each body is at the same time present and absent in these "still life", where the choice to be in life is consequential to the ambition of remaining through time, in those appearances preserved forever, in the stiffness of rigor mortis, in atmospheric corrosions and non-photographic likeness."


Art critic and curator Dr. Manuela Vannozzi, 1/17/2013 Rome, Italy

italien  original Text

 

"DANA PANDICI E L’EPIFANIA DELLA NATURA

di Manuela Vannozzi


Questa mostra intitolata " being alive is a privilege - human dignity against cynicism" della fotografa Dana Pandici (Timisoara 1967- ad oggi vive e lavora ad Heidelberg), è un’occasione preziosa per conoscere una grande artista contemporanea che, dopo aver attraversato numerose fasi espressive e intima continuità, ha maturato attraverso gli anni una coscienza figurativa di alto profilo intesa a una sorta di sintesi e superamento di quella singolare dialettica che coesiste tra la macro-fotografia e il soggetto-oggetto degli scatti fotografici, discostandosi rigorosamente dal luogo comune attraverso la particolarità e la minuziosità dei soggetti fotografati.

 

Per poter analizzare al massimo la struttura dei lavori di Dana Pandici bisogna saper riconoscere e leggere i suoi messaggi celati attraverso l’informazione materiale del “Cosa” e del “Come”. Il “cosa”, inteso come tutto ciò che si trova di fronte all’obbiettivo nel momento dello scatto, per la fotografa, non è propriamente libero dalle interazioni-psicologiche, ovvero, l’oggettività espressiva dell’immagine catturata non è priva di elementi legati al mondo dell’emotività, quindi le sue immagini, anche se ci appaiono statiche sono al contempo colme di carica simbolica.

 

Avvicinandoci sempre di più all’idea originaria da cui la fotografa Dana Pandici è partita, il “Cosa” ci appare invece, come tutto l’insieme delle scelte tecniche ed espressive dell’autrice, ed è proprio in esse la chiave della lettura di ogni singolo lavoro.

 

Dana Pandici, si manifesta come una “ricercatrice di umanità”, la quale, attraverso l’utilizzo della macchina fotografica cerca di esprimere la sua percezione della realtà e del comportamento umano.

 

L’amore viscerale per la natura e il genere umano l’ha portata a rispettare e a riconoscere le molteplici biodiversità dell’ambiente di cui si circonda. Attraverso l’utilizzo della Macro-Fotografia, le sue immagini ci raccontano delle storie di vita vissuta, e si specializza in quel genere di post produzione fotografica che non stravolge il fotogramma nella sua essenza.

 

E’ soprattutto una certa idea del realismo, che si evince nelle immagini di recente produzione a corroborare il fervore intellettuale e morale così evidente.
Il suo rapporto di base che stabilisce con la realtà è lucido ed ossessivo, dove un senso epico della raffigurazione si unisce alla calma serenità e al lucido nitore dello sguardo del fruitore.

 

Il gesto dell’atto fotografico, rivela, sia nella sua banalità che nella sua vitalità, la natura intima e terrena del fluire del tempo, e questa sbalorditiva esposizione tocca il più profondo significato di un’arte che è totalmente sincronizzata sulla durata della vita e su come viene vissuta, sia attraverso una visione più naturalistica e umanizzata che tramite le ingiustizie e gli schemi che l’uomo volontariamente o involontariamente si impone.

 

In opere intitolate “human trafficking” milioni di persone in tutto il mondo sono vittime della tratta di esseri umani, e l'80 per cento di loro sono sfruttati come schiavi sessuali. Alcune agenzie matrimoniali rendono più facile anche la tratta delle donne- e “Evolution-The Madonna of the future” industrializzazione, inquinamento, infertilità. Clonazione come  il simbolo di uno stadio successivo. Sta accadendo, perché abbiamo la tecnologia e non possiamo arrestarla- i soggetti non sono intesi ad esaminare l’erotismo della sottomissione accentuate dall’antichissima pratica del Bondage (Il bondage -parola inglese per schiavitù- è un insieme di pratiche sessuali e/o voyeuristiche basate su costrizioni fisiche realizzate con legature, corsetti, cappucci, bavagli, o più in generale sull'impedimento consenziente della libertà fisica, del movimento, di vedere, di parlare, di sentire), sono atte ad esplorare l’estetica di una realtà immaginaria, mostrando donne che, nonostante il loro apparente assoggettamento, nonostante le costrizioni delle corde e del dolore psico-mentale, rimangono inavvicinabili. Esse recitano e, molto spesso, il loro sguardo fisso, reso erotico dalla presenza della macchina fotografica, pone lo spettatore di fronte ad una distaccata arroganza.

 

Questa sottile affinità tra la fotografia di Dana Pandici e le donne ritratte da Nobuyoshi Araki (Tokyo 1940, celebre fotografo giapponese e artista contemporaneo) rendono i suoi lavori ieratici e colmi di espressività celata dietro una calma apparente.

La volontà di Dana Pandici di evidenziare una realtà fenomenica (sinonimo di “apparenza”, ovvero limitazione delle possibilità conoscitive solo a ciò che appare, alle parvenze esteriori e sensibili in contrapposizione alla vera realtà, escludendo quindi che le cose in se stesse possano essere conosciute nella loro oggettività), cela in realtà emozioni profonde in ogni suo scatto fotografico, dove ogni forma di conoscenze è sempre soggettiva, relativa e nascosta.
Il mondo vero del reale non traspare alla mera percezione umana, esso ci appare solamente come dietro ad un velo deformato dalla ragnatela costituita dalle nostre stesse strutture mentali. A tale proposito, il filosofo tedesco Shopenhauer (22 Feb. 1788 - 21 Set.1860) , sosteneva che ogni esperienza  umana, possibile o immaginabile, scientifica o artistica è sempre una rappresentazione fugace, illusoria e relativa del soggetto pensante.

 

In scatti fotografici intitolati “stag beetle”, “praying mantis”, “male chicks” e “hornet”, cattura la sua realtà percettiva attraverso l’obbiettivo della macchina fotografica e ci catapulta in un mondo fatto di Macro-Fotografie di animali e di insetti come in procinto di una vivisezione. Saranno forse su di un tavolo da laboratorio? Saranno i testimoni di una vita ormai vissuta? Oppure il sinonimo di una rinascita?

 

L’ossessione primaria della fotografa è quindi nei confronti dell’oggetto, in quel realismo minuzioso di un’estasi materialistica, dove i soggetti da lei ritratti rivelano il fascino del loro stesso esistere, essi riempiono le nostre valenze percettive trasudando storie  e spessore sensoriale.

 

I lavori della fotografa tedesca, si concentrano essenzialmente lungo questa strada, atti verso un realismo “anti-moderno” e dunque da dirsi quasi “ir-reale”. Sarà quindi inevitabile parlare di “nature morte”, dove, in tal caso, l’oggettivo cessa di essere una metafora spenta e un’aggiunta convenzionale ritrova la sua verificabilità.

 

In base a questo principio inderogabile, là dove non c’è atmosfera non ci può essere neppure la vita, qui Dana Pandici sottopone i suoi soggetti ad uno svuotamento per una ipotetica conservazione delle masse organiche. Le consistenze materiche restano come trofei per sfidare il tempo, quei corpi ex-organici sottratti alle leggi della natura, si possono permettere un’imponenza visiva che dei normali soggetti viventi non potrebbero sostenere e il loro gigantismo figurativo li fa essere delle cose di un altro mondo. Di sicuro, la luce che li investe e li fruga, ne fa risultare ombre nette e implacabili che forse non sono proprie di questo mondo.

 

Nella linea dei realismi ir-reali, anche i soggetti in primo piano si accalcano verso il proscenio, essi non accettano di farsi da parte e si arrogano il diritto di essere posti in primo piano. E’ quanto avviene in questo nostro mondo fenomenico, dove la resa fotografica ci da la sensazione di poter toccare con mano questi soggetti lontani ma così apparentemente vicini.

 

Ogni corpo è nello stesso momento presente e assente, in queste “nature morte” là dove la scelta di essere in vita è consequenziale all’ambizione di rimanere attraverso il tempo, in quelle sembianze preservate per sempre, nella rigidità del rigor mortis, nelle corrosioni atmosferiche e in sembianze extra-fotografiche."


Curatore e Critico d'arte Dott.ssa Manuela Vannozzi , 17/01/2013 Roma, Italia"